Molti di voi si chiederanno sicuramente una di queste domande ….

Cosa vuol dire iniziare un percorso psicoterapeutico? 

Percorso psicoterapeuticocosa si fa? in cosa consiste? quanto dura?

La Psicoterapia è una pratica terapeutica della psicologia clinica  orientata alla cura di Disturbi Psicopatologici di diverso tipo e diversa gravità ma che comunque portano malessere alla persona, ostacolandolo nella quotidianità. Un percorso terapeutico si inizia dopo un’accurato assessment dei sintomi riportati dalla persona, della sua storia clinica e biografica e dell’attuale vita che svolge.

Un percorso Psicoterapeutico si basa su obiettivi concordati insieme tra paziente e terapeuta. Pertanto la durata del percorso varia a seconda della problematica e degli obiettivi. Si va di 3 mesi, a diversi anni.

A seconda dell’orientamento Psicoterapeutico a cui ci si rivolge, vengono utilizzati strumenti e tecniche diverse nel percorso. In linea generale, il colloquio, la relazione, le narrazioni e gli homework sono gli strumenti maggiormente utilizzati.

A CHI RIVOLGERSI?
Facciamo un pò di chiarezza riguardo le Figure professionali….

PsicoterapeutaChi è lo Psicoterapeuta?

Lo Psicoterapeuta è uno Psicologo o Medico che si è formato presso una Scuola di Specializzazione privata post-lauream.

Attenzione quindi, se vi rivolgete ad uno Psicologo non Psicoterapeuta non sarà lui che potrà curarvi l’Ansia, la Depressione o altri disturbi.

Lo Psicoterapeuta è l’unico abilitato a fare psicoterapia, ossia il trattamento finalizzato alla cura dei disturbi psicopatologici.

Lo Psicologo utilizza gli strumenti di valutazione, esegue una diagnosi utilizzando il colloquio e gli strumenti diagnostici, fa azione di prevenzione e di intervento sul disagio psichico dei propri clienti con una serie di colloqui mirati alla consulenza e al sostegno psicologico ma non alla cura.

Quale psicoterapia?

Psicoterapiascegli la psicoterapia cognitivo-comportamentale

Numerose sono le pratiche e le tecniche psicoterapeutiche legate ai diversi indirizzi teorici.

La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale (CBT) è attualmente considerata a livello internazionale uno dei più affidabili ed efficaci modelli per la comprensione ed il trattamento dei disturbi psicopatologici.

Tale approccio si basa su una complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti evidenziando come i problemi emotivi siano in gran parte il prodotto di credenze disfunzionali che si mantengono nel tempo, a dispetto della sofferenza che il paziente sperimenta e delle possibilità ed opportunità di cambiarle, a causa dei meccanismi di mantenimento.

La psicoterapia cognitivo-comportamentale combina due differenti forme di terapia:

LA PSICOTERAPIA COMPORTAMENTALE
Che aiuta a modificare la relazione fra le situazioni che creano difficoltà e le abituali reazioni emotive e comportamentali che la persona mette in atto in tali circostanze, mediante l’apprendimento di nuove modalità di risposta e l’esposizione graduale alle situazioni temute.

LA PSICOTERAPIA COGNITIVA
Che aiuta ad individuare certi pensieri ricorrenti, gli schemi fissi di ragionamento e di interpretazione della realtà, che sono concomitanti alle forti e persistenti emozioni problematiche vissute dal paziente, a correggerli, ad integrarli con altri pensieri più funzionali al proprio benessere.

LA PSICOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE è pratica e concreta, è a breve termine rispetto ad altri orientamenti terapeutici ed è collaborativa perché paziente e terapeuta lavorano insieme per capire e sviluppare strategie che possano indirizzare il soggetto alla risoluzione dei propri problemi.

Compila il modulo

Età
Nessun dato da voi inserito verrà utilizzato per altri scopi.

Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta di utilizzare i cookie Maggiori informazioni